Archivio tag | travel

La movida: il vero fashion

La concezione di movida porta con sè i germi della sregolatezza , dell’eccesso e soprattutto in Italia si associa al consumo di alcol, stupefacenti e a pratiche antisociali come il disturbo della quiete pubblica, il vandalismo, la violenza.  Sicuramente il proibizionismo da solo non produce risultati positivi. Serve più collaborazione tra i vari stakeholder, i gestori dei locali in primis. Si assiste sempre di più infatti ad un commercio take away che favorisce il consumo di alcolici specie per il basso costo ( in alcuni locali   dopo un’ora x si dispensano addirittura gratis!).

La movida non è questa. La movida rende la città epicentro di iniziative di qualità, per uno svago responsabile, è la risorsa che riqualifica gli spazi vitali urbani, generatrice di valori sociali, incrocio di culture e confronti.

Allora movida sì, ma fashion. Non quella dei quartieri dormitorio intorno ai locali, o degli stupratori nei parcheggi. Ma quella corredata da manifestazioni enogastronomiche, spettacoli teatrali, concerti, fiere, quattro chiacchiere tra amici e molto altro ancora.

L’uomo è un animale sociale, vuole vivere momenti ri – creativi con la tranquillità che potrà ritornare indenne al suo “ovile”!

Di seguito alcuni scatti che hanno immortalato momenti personali di vita sociale, di viaggi, di movida fashion! Voi che ne pensate?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Treno vs. Aereo e viceversa

Treno vs. Aereo e viceversa.

Treno o aereo, cmq un finestrino per osservare in parte la realtà, in parte una dimensione più profonda della realtà, una strana trascendenza correlata da momenti di riflessione, sulla mia vita, sulle mie scelte. Non ho mai capito cosa stimoli quella particolare dimensione, il guardare il mondo da un’altra prospettiva forse. Mi sento rapita, una strana pace ed un desiderio di conoscenza di qualcosa di nettamente sconosciuto. Guardo attraverso il finestrino. Una vista quasi ascetica che non incute paura, ma la ricerca della capacità di accogliere questi arcani misteri, di sedare. Penso che ogni uomo faccia poi sempre la stessa cosa: cerca la propria strada. Non tutti ne sono consapevoli e non hanno idea di quanto sia complesso il percorso che li attende, a volte più semplice per i semplici, ma non è sempre così. La ricerca della verità-felicità diviene la ricerca della dimensione divina dell’esistenza.

Ho abbinato a questo post  una creazione personale, interamente fatta a mano. E’ una wall – decoration che rappresenta un mandala. Tale associazione di idee, nasce in me dallo stato meditativo che mi accomuna in entrambi i casi: il viaggio e l’osservazione di questi piccoli-grandi cerchi magici, ubriacanti spirali, sovrapposizioni floreali che in qualche maniera raccontano qualcosa di noi stessi, captano una spiritualità comune a luoghi, religioni…labirinti inconsci che ci trasportano in paesaggi ameni composti da respirate, lontane realtà agresti  e paradisi bucolici.

Ho utilizzato materiali, strumenti e colori acquistando on – line su  WWW.pergamano.com  oppure www.pointincraft.com  o ancora  su www.kitiama.com ,  oppure reperiti personalmente presso quello che definisco il negozio dei balocchi Pointin Craft via Roma, 46, San Vittore Olona (MI).

Inoltre ringrazio Elisa Giudici, la coordinatrice delle insegnanti IPCA per l’Italia, nonché la mia guru!

Train Vs. Plane and vice versa

Train or plane , however, a window to observe part of the reality , in part a deeper dimension of reality, a strange transcendence related to moments of reflection on my life, on my choices. I never understood what that particular stimulus sizes, perhaps look at the world from another perspective . I feel kidnapped , a strange peace and a desire for knowledge of something much stranger. I look through the window. A view almost ascetic who is not scary , but the search of the ability to accommodate these arcane mysteries , to quell . I think that every man will do the same thing then : look for their own way. Not everyone is aware of and have no idea how complex the journey that awaits them , sometimes easier for simple people , but it is not always the case. The search for truth – happiness  becomes the search for the divine dimension of existence.

I paired this post a personal creation , entirely made ​​by hand. It ‘s a wall – decoration representing a mandala . This association of ideas, born in me by the meditative state that I have in common in both cases : the journey and the observation of these great little magic circles , spirals intoxicating , floral overlays that somehow tell something about ourselves , pick up a spirituality in common places, religions … unconscious labyrinths that transport us to charming landscapes composed breathe , distant reality and rural bucolic paradises .

I used materials, tools and colors purchasing on – line or http://WWW.pergamano.com http://www.pointincraft.com or http://www.kitiama.com still on , or retrieved in person at what I call the store of toys Pointin’ Craft Via Roma , 46, San Vittore Olona (MI) .

I also thank Elisa Judges , the coordinator of the IPCA teachers for Italy , as well as my guru !

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tuffo carpiato nel Personal Brand

Una data e  un treno. A fianco, il caso o il destino.

Le date, si sa, sono semplici dettagli ma se una somiglia  alle coordinate del compleanno (o a qualcosa di  più) continuerà ad intenerirci e a raccontare le storie sfilacciate e mai archiviate che  in qualche modo ci descrivono.

Poi il treno. Mancavano al “progetto” lavorativo piccoli particolari, quisquilie: chi  avrebbe dovuto assicurare il vitto/alloggio. Sotto forma di idee riportavo, in valigia, questi preziosissimi beni immateriali stipati a fianco ai “prosaici”  parallelepipedi milanesi( che il Duomo non me ne voglia!).

Nel gennaio 2014 sette anni dopo, stessa scena, tra momenti di semplice e meritata felicità, scendevo, con un tuffo carpiato,  dalla carrozza in coda ancora una volta a Milano.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Coat: Deha (old collection)

Gilet: Promod

Skirt: http://www.chapati.de

Tshirts: Promod

Collant: Calzedonia

Boots: Solo Soprani (old collection)

Cap: Portaluri

Scarf: Variety (old collection)

Bag: Disney (old collection)

Glass: Bulgari