Archivio tag | personal branding

Il trucco per creare da sè una nail-art di successo

Ciao a tutte care amiche, il post di oggi è dedicato alla Nail Art. Quante volte per non presentarci al lavoro con le unghie “sbeccate” abbiamo rinunciato allo smalto per mancanza di tempo: tanta cura nella stesura, ma poca durata…Eppure vediamo in giro unghie bellissime: dalla nostra collega, alla cassiera del supermercato di sotto, perfino la nostra parrucchiera! Smalto perfetto! Direte…ma sì…che novità!? E’ lo shellac! Sì ok, forse quello che non sapete è che un’ italiana media che abita nel sud Italia, paga uno shellac presso la propria estetista di fiducia intorno ai 10 euro o poco più, nell’hinterland milanese, in un centro commerciale dove tu sei, per dirla come il mio amico Pirandello, uno, nessuno, centomila, sarebbero ……..25 euro (Solo mani. Ovvio!).

La manicure e l’applicazione dello smalto rappresentano ormai un aspetto inseparabile nel look di ogni donna che, in questo modo, ha l’opportunità di offrire immediatamente un’immagine di sé molto curata, ispirando serietà e fiducia. Le unghie curate regalano un tocco di carattere al nostro outfit. Ma il problema è sempre quello economico…e poi si sa…con i tempi che corrono…il minore dei mali sarebbe rinunciare alla nail art…oppure……

Per chi cerca un abbinamento per mani e piedi da realizzare con una nail art facile…tanto per incominciare potrebbe investire un piccolo budget iniziale acquistando il fornetto a lampada Uv, il primer, il gel coat e il vostro colore preferito….sempre in gel. La spesa sarebbe intorno ai 100 euro e non di più. Se proprio non potete permettervelo al momento, potreste richiederlo come regalo di compleanno o come ho fatto io…scrivere la letterina a Babbonatale!

Qui di seguito gli steps da seguire.

1) Preparare l’unghia con il Buffer.

2) Applicare massaggiando il Primer su tutta l’unghia. Concentrare l’applicazione sul bordo ungueale. Limitare la quantità di prodotto. L’unghia non deve apparire lucida. Se così fosse eliminare l’eccesso con una velina.

3) Applicare Bse & Top e polimezzare per due minuti.

4) Applicare una o due mani Gel Polish Colour e polimezzare per 2 minuti.

5) Applicare una mano di Base & Top e polimezzare 2 minuti.

6) Sgrassare tutte le unghie con lo sgrassatore.

Personalmente uso smalti Layla. Ottimi!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tra quelli che ho già usato:

-45 purple glitter: facile da stendere, effetto da urlo con due stesure.

-7 funky pink: di difficile stesura perchè scivoloso, ma dall’effetto favoloso.

-74 sahara: dura ancora di più nel tempo rispetto ai precedenti.

A metà tra la manicure e l’arte, adoperando pennelli molto sottili, colori diversi e piccole decorazioni, la nail art è proprio un’ arte appuntoquindi se come me, non avete un’amica in gradi di darvi una mano affidatevi agli stickers e agli strass.

Sono infatti facili da utilizzare, si applicano sull’ultima stesura dello smalto colorato, quindi prima di passare allo step 6 precedentemente descritto, applicare lo sticker seguito da una o più passate di gel top coat. (Dipende dallo spessore degli stickers scelti!). Vi propongo anche una nail art mani e piedi abbinati oppure da realizzare in contrasto, o complementari come verde e rosso, blu e arancione: crea un look fresco ed estivo che può essere impreziosito con ornamenti di tipo diverso come glitter, perline, decorazioni a forma di stelle, tecnica half moon (evidenziare la mezza luna con lo smalto ideale per le unghie corte).

Una possibilità più sobria ed elegante è quella che prevede mani nude arricchite da stickers a forma di goccia e unghie dei piedi con decorazione geometrica a forma di triangolo o semplici linee a zig zag.

Un’altra idea, al contrario, è quella della nail art unghie mani con smalto nero e piedi in rosa pesca oppure corallo, da coordinare con l’abito indossato.

Per la stagione più calda si potranno realizzare anche abbinamenti eccentrici ma armoniosi, scegliendo di indossare uno smalto verde sui piedi e una manicure viola per le mani, o di andare in contrasto tra il bianco e il blu.

Infine unghie con smalto bianco gesso, latte e coprente per una manicure delicata e assolutamente di tendenza, un prodotto candido e leggero per avere sempre mani raffinate in ogni occasione. Ciò che conta è che il colore sia totalmente pieno e coprente.

L’unica regola che vi impongo è quella di non scoraggiarvi: le prime applicazioni non saranno perfette, ma poi le amiche faranno la fila! Qui di seguito il mio personale risultato…non sarà perfetto, ma ho risparmieto, sono soddisfatta e ribadisco: con il tempo si migliora|

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Funky pink numero 7 di Layla.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Per quanto mi riguarda, sebbene io rimanga una fanatica degli abbinamenti, giocare con i contrasti non mi dispiacerebbe…chissà!?

E voi che ne pensate?

Annunci

Easter in DIY policy

Una leggenda racconta di come il dio sassone Eostre, trovò un uccello ferito e lo trasformò in un leprotto per permettergli di sopravvivere al duro inverno. Il leprotto scoprì che poteva deporre le uova, allora le decorò e ad ogni primavera le offriva alla divinità.

Decorare e colorare le uova per Pasqua era un’usanza molto comune nell’Inghilterra del Medioevo. Le uova venivano dipinte con colori che imitavano quelli della primavera. La tradizione di colorare le uova divenne più famosa quando re Edward I di Inghilterra ordinò 450 uova che dovevano essere decorate con foglia oro e colorate come regalo pasquale nel 1290.

Una tipica festa inglese è quella di far rotolare le uova sode giù da una collina, una gara che si celebra il Lunedì di Pasqua. Vince chi fa rotolare l’uovo più lontano possibile….l’uovo deve rimanere intatto. Le treadizioni cambiano di paese in paese. Qualcuno crede che l’azione di far rotolare le uova ricorda la pietra  che viene rimossa dal sepolcro di Gesù e fatta rotolare.

Il Sabato Santo si tiene una famosa corsa con delle barche, sul fiume Tamigi.

A Pasqua la gente è solita indossare dei cappelli chiamati Bonnet. In alcune scuole elementari, si organizza una sfilata dove  il migliore bonnet vince un premio.

 In Germania, gli adulti nascondono le uova in giardino e i bambini le devono scovare! Divertente no!?

In Germany, the adults hide eggs in the garden and the children have to find! It ‘s funny. Isn’t it?

child with easter basket

E voi siete pronti per decorare le vostre uova insieme ai vostri bambini? Vi divertirete anche voi insieme ai vostri piccoli che saranno felici del tempo che gli avrete dedicato! Il loro sorriso non avrà prezzo!

 

Tutto quello che dovete fare è comprare delle uova di plastica o trasparenti su www.it. opitec.com.

Are you ready to decorate your eggs with your children? Enjoy your life together with your children. They will be happy on the time spent with them! Their smile will be the greatest gift!

All you need  is plastic white or transparent eggs. ( See https://www.it.opitec.com)

Se volete un effetto tutto speciale procuratevi un barattolino di pasta foam clay (for other foam clay using see here). Il costo è irrisorio e potrete realizzare più uova con un solo barattolo.

If you want a special effect you should buy a jar of foam clay. The cost is ridiculous and you can produce more eggs using only one jar.

Reciclate tulle, fiori, strass e nastrini in raso o organza dalle bomboniere che avete accantonato.

Reciclate tulle, flowers, rhinestones and satin or organza ribbons from the wedding favors that you have set aside.

Vinavil (per le uova in decoupage), pennello e colla a caldo (per applicare fiori , strass e altro)……….e usate tutta la vostra fantasia e il vostro amore!

Sbrigatevi…..la Pasqua è alle porte!

Ecco un risultato firmato Personal Branding!

Vinavil  glue (for decoupage eggs), brush and hot glue (to stick flowers, strass and so go on) ………. and use all your imagination and your love!

Hurry  up….. Easter is around the corner!

Here are  results by PERSONAL BRANDING!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questo articolo e la realizzazione delle uova hanno richiesto tempo e fatica, se vi sono piaciuti vi prego di lasciare un commento!Grazie!

Buona Pasqua a tutti!

An Anglo-Saxon legend tells how the Saxon goddess Eostre found a wounded bird and transformed it into a hare, so that it could survive the Winter. The hare found it could lay eggs, so it decorated these each Spring and left them as offering to the goddess.

Origins of Colouring Eggs at Easter

Decorating and colouring eggs for Easter was a common custom in England in the middle ages. Eggs were brightly coloured to mimic the new, fresh colours of spring. The practice of decorating eggs was made even more famous by King Edward I of England who ordered 450 eggs to be gold-leafed and coloured for Easter gifts in 1290.

Egg rolling is very popular in England and is an Easter Monday sport. Hard-boiled eggs are rolled down a hill.

Customs differ from place to place. The winner’s egg may be the one that rolls the farthest, survives the most rolls, or is rolled between two pegs.

“I was brought up to believe that egg rolling represented the rolling of the stone from the tomb of Jesus.”

Pete from Lancashire, England

On Holy Saturday there is a very famous boat race. The boats compete on the river Thames.

At Easter people used to wear a special hat called “bonnet”. In some British Primary schools they organize an Easter Bonnet Parade where the best bonnet wins a prize.

I spent a lot of time to realize the eggs and the post, if you liked them please leave a comment! Thank you!

Happy Easter!

Sport and chic for “bad” women.

Elementi sportivi hanno incontrato la dolce anima couture. Si chiama sporty chic couture  come avevamo visto già in questo Post, ed è la tendenza moda primavera/estate 2014. Niente a che vedere, però, con i look per andare in palestra, semmai si tratta di creare outfit forti e decisi, nati da una ragionata contaminazione. Un connubio derivato da due diversi mondi.
Capita spesso di incontrare donne che, per andar a lavoro, sebbene indossino i loro rigorosi tailleur calzano ai piedi sneakers, mentre altre tra un boyfriend jeans e una college jacket indossino una maglietta succinta e calzino tacchi vertiginosi. Realizzare un look ad hoc ed essere casual ,ma con stile, è una scelta sapiente e non come potrebbe sembrare un collage dell’ultimo momento!
La moda streetwear, in fondo, parla chiaro da un po’, perché basta dare uno sguardo in giro per scoprire come sono stati reinterpretati capi iconici, come le giacche stile college, le canotte con il numero e i pantaloni felpa. Ne abbiamo già parlato in questo Post.
Sporty Chic Couture, la tendenza Primavera-Estate 2014
Date sfogo alla vostra immaginazione, costruite e sperimentate, interpretate nuovamente abbinamenti, volumi, cascate di bijoux, deliziose clutch, accostamenti di tessuti e colori come il lace e i capi in pelle. Sì, dopo aver abbinato lace e denim, adesso passiamo al capo rock addolcito (o esasperato?!) dal lace o da intarsi in soutache. Se non è questa la creatività!?
Nasty Gal Collection Chaos Theory Mesh Maxi Dress
Spring Collection 2014
Divertitevi anche rubando le t-shirt del vostro boyfriend, soprattutto quelle in stile college e numerate e aggiungete un po’ di sex appeal: gonne cortissime, tacchi importanti e un tocco di rosso sulle labbra, sarete divine!
Il tutto sta nel creare, con i capi di abbigliamento giusti, look dal sapore sportivo ma con un tocco couture. Avreste mai abbinato un top sportivo a una gonna a tubino? Ecco, questo è uno degli outfit che meglio rappresentano il trend sporty chic couture.
sport and chic
           
   
                                                             sport and chic by marilena-nocco featuring timeless shoes

Object Collectors Item pink top
$69 – objectci.com

Junk Food Clothing slouchy white tee
$53 – truffleshuffle.co.uk

Mango black jacket
$280 – johnlewis.com

Timeless shoes
$38 – pret-a-beaute.com

Silver purse
$41 – designerdesirables.com

White house black market jewelry
whitehouseblackmarket.com

Kate Spade ring
piperlime.gap.com

2b bracelet bangle
2bstores.com

Red Herring bracelet
$23 – debenhams.com

YSL: il genio del Personal Branding

Se pensi che “le mode passano, lo stile è eterno”,oppure “se mi impediscono di esprimermi, allora morirò”, non puoi non vedere “Yves Saint Laurent” un film di Jalil Lespert con Pierre Niney e Guillaume Gallienne.

Molti di noi hanno  acquistato qualcosa che riportava queste tre lettere:

Magari non tutti conoscono la storia.

Ecco  arriva il film!

La pellicola, come lascia intuire il titolo, racconta della vita del maestro Yves Saint Laurent, dagli esordi  fino al momento della sua morte. Un genio fragilepreda egli stesso di un mondo che aveva forgiato con le sue mani e che prima o poi – egli ne era consapevole – lo avrebbe ucciso.  La pellicola è molto intensa, come intenso è stato il rapporto che ha legato Yves a Pierre Bergè, compagno, socio e risorsa fondamentale di una delle maison più importanti al mondo. Il ruolo dietro le quinte di Pierre Bergè, le sue scelte politiche ed il suo talento commerciale, così come il suo grande amore per lo stilista, sono tratteggiati in modo preciso ed appassionato.

Una Parigi di altri tempi, già allora più moderna e cosmopolita di molti altri paesi al mondo. Un film dove amore, amicizia, passione, droga e follia si alternano in un intreccio affascinante che ha per sfondo il mondo dell’haute couture.

 

 

Il film sarà al cinema dal 27 Marzo prossimo. Per visionare il trailer in italiano clicca il link di seguito.

http://youtu.be/B4rbKq7yEv4

E tu? In quale tra queste caratteristiche ti riconosci?

creativo/a

passionale

audace

geniale

anticonformista

provocatorio/provocatrice

tormentato/a

eclettico/a

poliedrico/a

carismatico/a

e …..aggiungete pure altre caratteristiche che pensate vi rispecchino!

 

Moda uomo: Sporty chic for “bad “boys

Lo stile casual sporty chic è un trend imperdibile, che porta ogni uomo a scegliere must confortevoli. Ecco a voi i patterns di Moda uomo Primavera/Estate 2014.
Tra i capi di abbigliamento che andranno per la maggiore ci saranno i bermuda al ginocchio,le varsity jacket e tutto ciò che è caratterizzato dalle stampe camouflage, floreali, stile west e tessuti denim. Insomma l’uomo 2014 non si fa mancare niente: siamo o non siamo nell’era della parità dei sessi?
Se sì, l’uomo che ha stile potrà esprimersi scegliendo tra i capi e gli accessori più cool del momento.
Le sfilate menswear delle più grandi capitali fashion hanno posto l’accento, prima di tutto, sulle fantasie top, che ritroviamo tra le linee dei brand più amati dai ragazzi.
Il tocco di classe per gli uomini più maturi viene dato completando alcuni coordinati rigorosi con un mood decisamente casual, stile Valentino.

I bermuda al ginocchio sono il capo di abbigliamento maschile must have della stagione calda. Tantissimi gli stilisti che li hanno presentati all’interno delle loro nuove collezioni e moltissimi anche i brand, tra cui Zara, Fred Perry e Guess.

La moda autunno/inverno 2013 aveva posto l’accento sul bomber stile college, conosciuto come varsity jacket. Questo capospalla dona al look un tocco sportivo, che piace moltissimo e che è stato proposto in abbinamento anche a completi sartoriali rivisitati secondo i nuovi canoni dell’eleganza contemporanea.

Alcune case di moda puntano tutto sul denim, presentando giacche e pantaloni abbinati tra loro, impreziositi spesso da lavorazioni uniche e sartoriali. I capi in jeans piacciono molto ai ragazzi, tanto che lo streetstyle rivela mix tra blazer eleganti e camicie e scarpe in denim, come quelle proposte da Scervino.

Denim, il fashion- addict ti adora perchè non tradisci mai, dai fascino, carisma e stile.

Il binomio inscindibile? Sporty chic, un mix di elementi, alcuni ripresi dalla moda sportiva e altri recuperati da un guardaroba dal sapore sofisticato e, perché no, raffinato ed elegante.

Il tuo imprinting? Sintetizzalo in due parolePersonal Branding!

Bad boy

Crostata senza latticini e glutine

L’equilibrio tra l’uomo e la natura è ormai al limite della rottura.  Agricoltura moderna e industria alimentare hanno una grossa responsabilità.

Basti pensare allo zucchero bianco. Per assumere questo colore viene sottoposto a 15 fasi di lavorazione/raffinazione  industriale che lo rendono un alimento povero di vitamine, minerali e proteine. Anche lo zucherro cosiddetto greggio è il risultato di interventi industriali, tre in meno rispetto al precedente! Questo è il progresso?

Negli ultimi decenni, la nostra alimentazione è cambiata, in senso quantitativo e qualitativo, così velocemente da non lasciare il tempo al nostro organismo di adattarvisi. Il risultato è stato l’aumento di malattie cronico- degenerative.

Mangiamo troppo perchè mangiamo troppo in fretta, perchè il nostro cibo è povero qualitativamente, troppo raffinato ed estremamente impoveriti delle originarie qualità naturali derivanti dalle fibre grezze.

Se è vero che siamo ciò che mangiamo, e se come dicevano i nonni ” il mattino ha l’oro in bocca”, cominciamo con il nutrirci in maniera sana e naturale!

Personal Branding propone una crostata di mandorle  con frutta a vostro piacimento (squisita anche nella versione lamponi e uva). E’ un dolce senza latticini e senza glutine. Ricetta facile e veloce!

20140304_210003

Per 8 persone:

250 g di mandorle pelate, 100 g di farina di ceci, 2 uova, 100 g di zucchero di canna, circa 25 chicchi di uva bianca e 25 lamponi, 20 g di maizena, mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere, 250 ml di latte di soia.

Tritate finemente le mandorle nel mixer riducendole in farina.

Montate con le fruste le uova con 70 g di zucchero di canna ottenendo un composto spumoso. Sempre lavorando con le fruste incorporate la farina di mandorle e quella di ceci.

Stendete il composto ottenuto in una tortiera foderata con carta da forno, livellate bene la superficie e infornate a 180 gradi per 20 min.

Riunite in un pentolino il latte di soia, la maizena, il restante zucchero di canna e la vaniglia in polvere. Sempre mescolando portate a bollore e proseguite per 2/3 minuti prima di levare dal fuoco.

Spalmate la crema sulla torta ormai fredda.

Decorate la superficie.

La parte più difficile viene adesso : lasciate riposare la torta in frigorifero per una- due ore prima di servirla. Io non resisto!

P.S

Togliete semi e pelle all’uva e spruzzatela con gocce di limone perchè non annerisca.

Potete spellare le mandorle lasciandole qualche minuto nell’acqua bollente.

Fatemi sapere il vostro risultato. Vi è piaciuta?

20140304_211122

Giocare a …fashion blogger.

Una tazza di caffè fumante, un macbook, una carta di credito pronta per far shopping …on line: cosa si vuole di più dalla vita?

Se tempo fa un lavoro di questo tipo era solo un miraggio, ora esiste davvero e prende il nome di Fashion Blogger.

La Fashion blogger, uno degli effetti collaterali della nostra società prodotti dalla rete. Da Internet per l’appunto.

Ed è proprio da internet che inizia tutto: conoscere il web e le dinamiche che lo caratterizzano è il primo passo verso il diventare una fashion blogger di successo.

Quello che è ancora più importante è il contenuto. The content is the king. Se non c’è il contenuto tutte le strategie di web-marketing sono destinate a fallire.

Allora pronte? Macchina fotografica e via in giro a scattare centinaia di foto per salvarne almeno una e creare il vostro outfit! Dopo tutto la moda non è dettata dalle passerelle! Ma dallo street- style! Come dire: è sempre una questione di personalità…è sempre questione di PERSONAL BRANDING!

чашка кофе с печеньем на льняной ск

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Boots: Lumberjack

Bag: acquistata presso Ritmo Shoes

Jeans: Levis

Leggins: Calzedonia

Coat: Armani

Sweaters: Jennyfer

Sun glass: Versace

Earings: produced by myself