Archivi

In yellow

In yellow

Proenza Schouler black crew neck sweater
€740 – shopzoeonline.com

Leila Shams single button blazer
€105 – yoox.com

Vanessa G knee length leather skirt
€855 – rtister.com

Balenciaga yellow leather handbag
€1.860 – neimanmarcus.com

Crayo silvertone jewelry
€39 – jomashop.com

Forzieri 18k diamond ring
€1.610 – forzieri.com

Diamond jewellery
€3.045 – therealreal.com

Moschino multi colored scarve
€230 – harveynichols.com

cocktail dress

cocktail dress

Lace gown
€110 – amazon.com

Special occasion shoes
€675 – biondacastana.com

Olsen genuine leather handbag
€64 – pratten.com.au

BCBGeneration bracelets bangle
€10 – bcbgeneration.com

Sydney Evan diamond jewelry
€130 – neimanmarcus.com

spring scent

spring scent

Calypso St Barth white shirt dress
€345 – calypsostbarth.com

Embellished flat
€31 – modcloth.com

ADAM SELMAN Bandanna Detail Visor
€250 – brownsfashion.com

Flower hair accessory
€3,17 – hottopic.com

I magnifici cinque per un autunno perfetto

Se volete un guardaroba autunnale davvero impeccabile è ora di prendere appunti! Puntate a questi top five!

Abito bon ton nero o a colori, ma con il colletto a contrasto, con fiocco o con spacco un pò tata Francesca un pò Mercoledì Addams. Favolosi quelli di London Look, shop inaugurato dalla fashioblogger Chiara Biasi in piazza San Babila lo scorso mese  a Milano.

 

Il parka: da capo iconico del grounge a feticcio modaiolo oppure indossato su minidress.

 

 

La Camicia: dimenticate l’effetto boscaiolo. Il tartan è il nuovo classico da indossare.

 

 

Il coat: colorato a tinte pastello come quello delle signorine chic anni 50,funziona sia per over che per slim fit. Ce ne sono di rappresentativi in Cavalli e Nastri shop vintage di Milano in via Brera.

 

 

La gonna: lunga e morbida, midi cioè appena sopra  il ginocchio  in pelle, a ruota plissè o versione panta. Se volete una mise un pò rock e ricercata optate per la gonna con zip.

 

 

gonne invernali

 

Questi i  diktat per uno stile personale e unico…ci vuole sempre tanto personal branding!

#Underboob?


La nuova moda spopola tra Instagram e Twitter. Da dove arriva la novità? Ma che domande…. dall’America no??? Una cifra di ragazze che non escono di casa se non hanno immortalato con uno scatto forme spesso abbondanti, una maglietta appen rialzata e diciamolo pure: le tette! Sono foto vedo non vedo…oppure ben più Hot.

Dopo i vari selfie, gioite uomini! Il nuovo hastag che dilaga sui social network è #underboob: sotto le tette appunto!

Seni perfetti o quasi, sempre pieni, prepotenti, prorompenti: chi più ne ha……più ne metta!.C ‘è anche il Belfie (in cui protagonista non è la faccia ma il lato-b, o sedere), e poi ancora l’aftersex selfie (l’autoscatto dopo l’orgasmo, belli soddisfatti e rilassati).

Eh sì….i followers impazzano!

Controindicazioni? Al di là delle possibilità di essere beccati dai genitori, fidanzati, mariti e magari capi ufficio, il web è frequentato anche da persone che potrebbero approfittare o rubare degli scatti postati sui social, per ogni tipo di scopo! Ma ne vale proprio la pena?

Sta a voi giudicare….e pensare che mi ero fatta tanti problemi a scattarmi una bella foto nella vasca idromassaggio…con tanta schiuma….intendiamoci….si sarebbe vista solo la faccia!!! Poi ho optato…..per il cervello!

Clock Mechanism

Uhrwerk

 

Voi che ne pensate? Meglio sentirsi vip e non esserlo poi veramente? Oppure ESSERE Personal Branding?

Life in lace

La leggerezza  e l’impalpabilità , quella  sensazione di non aver nulla addosso,sono il mix perfetto per una life in lace, quella che, anche questa primavera torna ad essere protagonista. 

Un ever green di quelli intramontabili che  rivela a tratti pelle semi- scoperta, ma sempre all’insegna della delicatezza e della raffinatezza. Alla palette di nuance rubate ai deserti, alla terra e alla pelle ,che tingono outfit di sobria eleganza ,si unisce un make up deciso, ma essenziale, tanto mascara e rossetto che si veste  di colori sgargianti, che accende l’incarnato. 

Personal Branding  unisce la leggerezza di una coprenza vellutata come quella del pizzo e insieme la sensazione di non aver nulla addosso ad un effetto meno etereo ma più terreno, materializzato in toni rouge sulle labbra. Il resto del viso è truccato easy: senza effetto maschera, resta la morbidezza di un fondotinta sfumato che crea una texture omogenea dal finish luminoso.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

20140504_112849

20140504_113117

Bracciale swarovsky realizzato da Personal Branding. Per info a riguardo contattare tramite @: marilenanocco@yahoo.it

Lace Dress: Promod.

Shoes: Pittarello.

Earrings: fuori produzione.

Colpi di testa/ Hair Style

La scorsa primavera eravamo incerte tra shatush e dip dye.  Quest’anno il colore pare sia dettato dallo Splashlight. Giunge direttamente dagli States ed è una sorta di metodo a metà strada tra i due, in grado di illuminare notevolmente i capelli. La scelta dipende dai gusti , ma soprattutto dalla lunghezza dei capelli. Lo splashlight si ottiene applicando la schiaritura solo in determinate porzioni della capigliatura che risultano così più chiare e sfumate. Generalmente è realizzato a metà lunghezza ma si può optare anche per singole ciocche di capelli da schiarire, questo vale in maniera particolare per chi ha i capelli corti e ricci. Se non siete certe che il risultato possa piacervi potete iniziare dalle punte e poi lasciarvi andare sperimentando nuovi colori e possibilità. La tecnica dello Splashlight può essere realizzata nelle nuance del castano, del rame con effetto naturale oppure declinata in tonalità audaci come blu, viola, lilla. Insomma ce n’è per tutti i gusti e l’effetto è quello di essere baciata dal sole…ma senza per forza essere in spiaggia! E voi che ne pensate?

Last spring we had to choose between shatush and dip dye . This year the color seems to be dictated by Splashlight . It comes directly from the States and is a kind of method between shatush and dip dye, it ables to illuminate in gorgeous way our hair . The choice depends on your taste , but especially on the hair length . The Splashlight is obtained by applying the bleaching only in certain portions of the hair that are so clear and more nuanced . It is usually made in mid- length, but you can also opt for individual strands of hair to lighten, this is particularly the case for those who have short and curly hair. If you are not sure that you like the result you can start from the tips and then let you go experimenting with new colors and possibilities. The technique of Splashlight can be done in shades of brown , copper with natural effect or declined in shades such as blue, purple, lilac (for brave women). So there is something for all tastes , it will like being kissed by the sun … but without necessarily being at the beach ! And what do you think ?